santostefanoparrocchia


Vai ai contenuti

Padre Giuseppe Di Stefano

Padre Giuseppe Di Stefano


C:\Users\letizia di vincenzo\Desktop\foto varie e musica\Nuova cartella (2)\immagine internet parrocchia\parrocchia internet\Immagine%20001.jpg
Error File Open Error






Viene ordinato sacerdote il 20 Aprile del 1935La sua prima messa, a Raffadali. Aveva appena 25 anni, essendo nato il 20 Agosto del 1910.
S. Elisabetta è il campo di apostolato del P.Giuseppe Di Stefano per oltre 40 anni, in un primo tempo come vicario dell'arciprete Bernardino Amormino e alla morte di questi, nel 1939, come titolare della arcipretura, intitolata a Santo Stefano protomartire. Qui rimase nella semplice e gioiosa obbedienza al vescovo, impegnando la sua esistenza alla chiesa e alla gente assistito dalle amorevole cure della sorella Clementina, che accettò il destino di vivere estranea al mondo della sua infanzia e della sua giovinezza.





La sorella Clementina.


C:\Users\letizia di vincenzo\Desktop\foto varie e musica\Nuova cartella (2)\immagine internet parrocchia\parrocchia internet\Immagine%20005.jpg
Error File Open Error



Accettò la tradizione della spettacolare rappresentazione della pastorale del sei gennaio ( nardu ) e quella del porco di S.Antonio (ntunuzzu) ed era un ottimo amministratore dei beni della chiesa, li custodiva con lo stesso amore con cui si custodiscono le cose proprie e attento alle tempestive riparazioni. Ebbe la lungimiranza di non lasciarsi scappare l'occasione di acquistare l'edificio più grande del paese, la casa di don Gilò (don Girolamo Casa' un proprietario terriero della seconda metà dell'ottocento). Con la vendita della vecchia canonica sopperì a pagare una parte delle spese, il resto fu acquistato come proprietà personale e in seguito donato alla parrocchia.Una parte la destinò come abitazione del parroco, l'altra parte l'adibì come abitazione delle Suore Assuntine che lui stesso chiamò nel 1955 per il servizio della chiesa, e S.Elisabetta ebbe il suo asilo infantile e cominciò a diffondere Famiglia Cristiana.In seguito preparerà i cantieri, e con i cantieri erigerà la chiesa del S.S.Crocifisso. Era scrupoloso nella contabilità e i fedeli dovevano conoscere le entrate e le uscite delle chiesa. Una lira in tasca non gli rimaneva. Ai laici era affidata l'amministrazione; essi tenevano il registro dei conti.



C:\Users\letizia di vincenzo\Desktop\foto varie e musica\Nuova cartella (2)\immagine internet parrocchia\parrocchia internet\Immagine%20004.jpg
Error File Open Error
C:\Users\letizia di vincenzo\Desktop\foto varie e musica\Nuova cartella (2)\immagine internet parrocchia\parrocchia internet\Immagine.jpg
Error File Open Error




Don Di Stefano era uomo di Dio pieno di semplicità e aveva un grande cuore pieno di carità. Fermo nelle decisioni che prendeva difficilmente tornava indietro. Non era un grande oratore, Lui, dice qualcuno, nelle prediche si allungava troppo, si lasciava prendere dalla foga della passione e ribatteva gli stessi concetti. Uomo di preghiera, era altrettanto uomo pratico. Sapeva guardare in alto verso le stelle, ma sapeva anche abbassare gli occhi per terra per vedere dove mettere i piedi.La massima fiducia negli uomini, ma poteva essere raggirato solo una volta. Riservato nelle faccende personali e in quelle della famiglia.
Nel 1975 rassegna le dimissioni di arciprete. Il 20 Aprile del 1985 celebra il cinquantesimo della ordinazione sacerdotale regalando a tutti una copia dei quattro vangeli. Il 30 Agosto del 1987 riceve la cittadinanza onoraria di Santa Elisabetta e una targa d'oro dalle mani dell'allora Sindaco Antonino Gaziano. Fino alla metà del 1995 esercita il ministero come rettore delle chiese del Crocifisso e di S.Giovanni in Raffadali.
Quindi, colpito da ictus cerebrale, si ritira definitivamente in casa. Muore il 30 Giugno del 2001 in Raffadali


home page | Le Chiese | Il Paese | I Quartieri | Natale 2014 | Padre Giuseppe Di Stefano | Festa del SS: Crocifisso | Venerdi Santo | L'Attentato alla Madonna Addolorata | Dedicazione della CHiesa Madre | Maria Visita S.Elisabetta | lavori in corso!!! | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu